Searching...
Close search window

Search results › [ ] You may continue typing to narrow your search


image

Anita vede i rischi legati al lavoro con i pazienti obesi

Anita Rush lavora come infermiera professionale specializzata (responsabile per l’assistenza nel governo locale) in Berkshire, Inghilterra, un’area con una forte presenza di pazienti bariatrici. Oltre 10 anni fa, quando a Anita incontrò il suo primo paziente bariatrico, si rese conto che mancavano le conoscenze specifiche del settore. Così decise di acquisirle autonomamente. 

– Scrissi un articolo sulla cura dei pazienti obesi, che mi ha resa una "specialista" nel settore. Da allora sono stata assorbita da questa funzione e mi sono specializzata nel settore e ho viaggiato in Inghilterra e in Europa per tenere lezioni, dice Anita.     

Stiamo ingrassando

– Tutte le previsioni portano allo stesso risultato: la popolazione sta ingrassando e le esigenze nel sistema sanitario crescono, dice Anita Rush. 

Anche se abbiamo osservato questa tendenza per molto tempo, non ci siamo preparati abbastanza, secondo Anita. Descrive situazioni in cui è stato necessario praticare delle aperture nei muri e  i pazienti sono stati trasportati su camion perché mancavano altre risorse.

A suo avviso costerà molto la preparazione all’accoglienza dei pazienti obesi. Tutte le attrezzature devono essere adattate per poter gestire i pazienti più grandi di taglia e di peso. 

Queste lacune diventano evidenti soprattutto quando occorre trasferire i pazienti. Anche se non si dovrebbero mai sollevare i pazienti manualmente, di fatto succede molto spesso nel settore sanitario. Ma quando il paziente in questione è obeso, l’operazione diventa impossibile e la necessità di avere un ausilio è impellente.  

La Svezia insegna

Occorre scegliere gli ausili più adatti allo scopo di sollevare pazienti obesi. Inoltre, occorre avere le conoscenze necessarie per gestire sia il paziente che le situazioni speciali che si presentano nella cura dei pazienti obesi. 

L’urgenza di imparare è grande, lo ha capito Anita nel suo ruolo di insegnante. – Insieme a Liko Competence, ho tenuto molti corsi in Svezia e in Europa, e l’ho trovato molto piacevole ed interessante, dice Anita. 

I corsi sul sollevamento di pazienti bariatrici sono molto frequenti e offrono una buona base di conoscenze. E poi ho sempre con me un modello bariatrico per le dimostrazioni pratiche.

– La questione che ha più importanza in assoluto è la valutazione del rischio. È fondamentale per garantire trasferimenti sicuri e condizioni di lavoro corrette. È estremamente importante avere un programma per eliminare i rischi, dichiara Anita. 

Secondo Anita Rush sono tre i fattori principali da considerare. 

  • Le persone – quanti membri del personale devono prendersi cura del paziente e come devono lavorare?  
  • I costi – per le attrezzature necessarie per movimentare i pazienti obesi.  
  • Le limitazioni ambientali, ad esempio la larghezza dei corridoi o la portata del pavimento.  

La conoscenza necessaria

– Considerando i tre fattori principali è possibile individuare piuttosto facilmente ed eliminare i danni immediati, quindi programmare modifiche a lungo termine e migliorie. 

Anita continua a parlare di tutto ciò che occorre considerare nella valutazione del rischio, come ad esempio il fatto che tutti debbano avere lo stesso livello di preparazione e usare le stesse routine.  

Ma poi si ferma dopo una lunga spiegazione su ciò che occorre ricordare e  ridendo dice che all’inizio è sempre difficile.     

Il primo passo è acquisire la conoscenza che ci permette di analizzare le nostre organizzazioni, eliminare i rischi e prepararci ad affrontare i pazienti bariatrici. 

– Prima o poi tutti dovremo prenderci cura di un paziente obeso.

L’attenzione verso coloro per i quali progettiamo i nostri prodotti è stata la nostra guida più importante fin dall’inizio. I nostri progetti riflettono la nostra filosofia nelle attività quotidiane – sempre per migliorare la qualità di vita dei pazienti e degli operatori in tutto il mondo.